Thursday, February 18, 2021

Gran Madre church

Turin has 114 churches, Gran Madre di Dio or Great Mother of God is where the royal family used to go to every Sunday, walking from Palazzo Reale through Via Po, every Sunday. 




It is located beyond the Po River in a square with the same name: Piazza Gran Madre. From Piazza Castello it is a great walk to get some sense of Turin, her style and architecture. Before crossing the river you can side Piazza Vittorio (Veneto) the largest square in Europe enjoying the shade or shelter of its arches.

This church was built to celebrate King Victor Emmanuel I of Savoy, as he came back to power after the Napoleonic army retreated; its construction started in 1818 but its works stopped for 10 years and it was finally finished in 1827 together with Piazza Vittorio Emanuele and inaugurated in 1831 by Charles Albert of Savoy.




Some elements of its architecture will strike you right away: the pronaos or portico with the columns, the dome, the statues and the bas reliefs made by the students of the newly born Fine Arts Academy of Turin.

As you can see from the first picture, this church is on top of the stairs making the view of the city really worth the walk 👌 The first thing you see is the six column pronaos - as you will see before getting inside, there are a total of 10 columns and six pillars with Corinthian capitals (the top part of the column decorated with acanthus leaves).

The fronton (triangular frontal part) show a bas relief sculpted in 1827 portraying the Holy Virgin with the Child being paid homage by the Turin decurions who sponsored the church.


Right side: Religion and St Mark with the foot on the lion 

You can see behind the columns two recesses in the wall, each one has one statue: on the right, St Mark with a foot on a lion and on the left, St Carlo Borromeo. At the sides of the stairs there are two groups of statues: on the right, Religion and Faith on the left.



Religion is represented as a woman wearing a long dress and is looking in front of her without paying attention to the young man kneeling by her side. She's holding a cross in her hand.

Faith is also represented as a similarly dressed woman; in her right hand she's holding a book while in her left one she has a goblet. At her right there is a angel with a cane in his right hand and the left one oriented towards the woman.


Left side: Faith and St Carlo Borromeo


The almost 10meter / 32.8ft tall statue of marble in front of the church, at the bottom of the stairs, represents King Victor Emmanuel I of Savoy. 
As you can see this church doesn't have a bell tower but in 1830, a neo-baroque bell tower was built in the separate building on the right where the church offices, archives and youth club are located.




Unlike most churches in Turin, the Gran Madre is very simple: there is one round nave, the major altar is on the right inside an apsis, with two large columns in red porphyry, in contraposition with the two columns at the side of the main entrance on the left.
Behind the altar there is a famous statue of the Holy Mary with the Child surrounded by a halo of golden rays and with two puttos holding a large golden wooden crown above her.
In each one of the side recesses there is a statue: St Maurice, blessed Marguerite of Savoy, blessed Amadeus IX of Savoy and St John the Baptist, patron saint of Turin.




At the bottom of the dome there are four sculpted garlands alternating four bas reliefs showing the episodes of the Life of the Virgin: Nativity, Presentation to the Temple, Wedding, Coronation. 
The dome is definitely the most impressive element thanks to its five rows of octagonal lacunars (ceiling coffers) in stucco whose size gets smaller as they reach the top. It is considered one of the masterpieces of neoclassical architecture in Piedmont.
It is fully made in concrete and its round oculus is over 3m / 9.8ft in diameter to allow the natural light inside the church.

The crypt is located in the basement and it hosts the memorial (ossuary) of the WWI fallen.




Legend has it that this church is built right where the temple of the Egyptian goddess Isis - known as 'Great Mother' - was located. This is where the bodies that needed to be identified where shown after being brought over to the royal palace.

Because Turin has a long and famous esoteric tradition as you can read in Mari Biella's guest post, some people believe that the Faith statue on the left actually represents the Holy Mary holding the Holy Grail and pointing to where exactly the real Holy Grail is buried right here in Turin!

One thing is for sure: this amazing church is well visible from Piazza Castello right at the beginning of Via Po where our university: Università di Torino was founded in 1404 and is still located to our days!

... on your way there, you'll find plenty of great places to eat and drink, so you can have a cappuccino or tea with cake for breakfast at Clarissa's before your visit, and a cocktail after, a snack at Caffé Fiorio where the Italian intellectuals always stopped by, or an artisan gelato at L'Essenza del Gelato 🍦





Choosing won't be easy and this is why whether you love art, architecture, esotericism, tarots, religion or simply traveling, we recommend you spend 5 days at least in Torino and she.... she will always welcome you with open arms 😘


Get in touch with us for your walking tours and activities while in town because this pandemic won't last forever 😜


E-mail Lucia: turinepi@gmail.com



























Wednesday, February 3, 2021

il cassetto delle caramelle

Amici cari, ci siamo!! Gennaio col suo freddo e gli elfi sono partiti e siamo pronti per Febbraio, le bugie, i costumi di carnevale e i cioccolatini di San Valentino 🌹



Tuesday, January 19, 2021

Gennaio: elfi a Torino

Questo racconto è dedicato a tutti gli amanti delle atmosfere natalizie e che ogni anno vivono male Gennaio. Nel 2021 Gennaio è un mese molto particolare e va considerato come un primo Febbraio che precede il Febbraio vero 😉



Monday, January 11, 2021

the 2021 optimism

The new year started with the vaccination campaign for covid19 in Italy too, and as Befana came and took took away our Christmas decorations, in Turin we are keeping our Winter Lights on exceptionally till well after Mardi Gras. One of the Turin city council members explained that given the current circumstances, 'we all need to be cheered up'.



Tuesday, December 22, 2020

Festività natalizie

Buon Natale 🎄e Felice Anno Nuovo 🎊 con questo racconto scritto pensando a tutti i nostri amici legati in diversi modi a Torino, al Piemonte, agli appassionati di lingua e cultura italiana, e naturalmente a tutti coloro che amano la tavola.

Che il 2021 vi porti qui da noi 💝


Friday, December 11, 2020

our covid 19 Holidays

Incredibly we made it to the end of 2020 🙆 and boy, hadn't we lived it, we wouldn't believe what we've been through these past months 😥
Despite all the difficulties and losses, 2020 also reserved us some good surprises and we feel particularly grateful for the small things we rediscovered.
Little we knew back in March what our future would reserve us, but as Italy is about to be declared 'yellow zone' we feel like this is our big Christmas present and are ready to celebrate 🎍

Monday, November 23, 2020

Novembre a Torino

Come la nebbia che avvolge Torino dal 20 Novembre in poi, e gli effluvi di cioccolata calda che salgono dalla tazza, questo racconto è dedicato a tutti coloro che amano le atmosfere autunnali e il confort food piemontese dei mesi freddi e umidi. La canzone da ascoltare alla fine è sempre quella di Giusy Ferreri, il cui vidoeclip è girato a Parigi perchè Torino è così 😎


Novembre a Torino




A Novembre Torino sa di caldarroste e cioccolata calda; le giornate iniziano a inumidirsi, ma non gradualmente, bensì di colpo e per fasce orarie, fino a che una sera di Novembre avanzato, guardando fuori dalla finestra ci accorgiamo di essere totalmente immersi nella nebbia.

I gusti e i colori di Novembre sono coordinati sui toni caldi della zucca, dei cachi e del castagnaccio, colori che riportano ai loro gusti più e meno delicatamente dolci, alle loro consistenze morbide, polpose e alla nuance del cioccolato.
In effetti cioccolata e caffè a Torino vanno mano nella mano dal 1763 cioè da quando ha aperto Al Bicerin e l'omonima bevanda calda è diventata lo scaldacuore ufficiale dei residenti. 
'Scaldare il cuore e l'anima' come sanno fare i nostri piatti a base di vellutati formaggi alpini (il nostro oro bianco) spesso fusi per scaldarci ancora di più, magari coperti da un'abbondante nevicata di tartufo bianco - il diamante della tavola - grattuggiato sopra. 
E che dire poi dei nostri risotti? Milano in fondo ne ha solo uno... diciamolo... quello con lo zafferano, ma noi qui a Torino ne vantiamo uno per ogni settimana dell'anno e la nostra stagione regina è proprio l'autunno 👑
Risotto con la zucca, con i porcini, con i carciofi, con i topinambur, con la salsiccia, e per le grandi occasioni, persino con il Barolo e lo spumante! Sembrano proprio lussi hollywoodiani, eppure qui sono la nostra normalità... 😜

Eh si, l'autunno a Torino apre una stagione culinaria lunga ben sei mesi di prelibatezze, più o meno delicate, ma tutte sociali in quanto il loro sapore aumenta all'aumentare delle persone che le condividono alla nostra stessa tavola. 
In Piemonte la convivialità è un teorema gastronomico direttamente proporzionale all'alta qualità degli ingredienti: tutti prodotti localmente come da tradizione centenaria.
Le mattine novembrine iniziano ad illuminarsi con una spremuta d'arancia e via via vanno affievolendosi a fine serata con un Barolo chinato: il nostro celebre vino da meditazione. Meditazione certo, perché Torino è zen e lo yoga lo fa da sempre compensando ogni fatica fisica e intellettuale ristorando il palato. Dopo tutto, il nostro cibo é la nostra prima medicina e prevenzione 🌿

A Torino più che in ogni altre città italiana viviamo in un sistema binario che segue i principi dello yin e dello yang: il freddo e umido (pungente) che da vita i nostri vini corposi, ricchi di tannini, eleganti, e impegnativi; ai nostri tartufi, ai nostri plin fatti da mani antiche ma sempre scaltre, e tajarin con 40 tuorli,  e il calore delle nostre carni, eccezionalmente magre, marinate per ore nel nostro vino rosso; i nostri formaggi morbidi, cremosi delicati o stagionati; il nostro cioccolato vellutato che si scioglie sulla lingua appena chiudiamo la bocca.



Certamente soprattutto in tempo di Covid19 siamo fortunati perchè siamo i soli in Italia ad avere la bagna cauda che ci aiuta a mantenere le distanze sociali 😅 l'aglio ha proprio un odore sconveniente, ripugnante, pari solo alle zuppe filippine e al nuoc cham - la celebre salsa di pesce vietnamita fatta macerando le acciughe, anche in decomposizione, in enormi barili pieni di salsa di soia. In Vietnam come qui in Piemonte tutti giurano che è una vera delicatezza e pochissimi la rifiutano a favore del perenne gelato - prodotto e gustato tutto l'anno - un'altra specialità torinese che si trasforma seguendo le stagioni e i mesi.
A Novembre il gelato a Torino include dei marrons glacés, nocciole e rum, zucca e amaretti, prima di dare il benvenuto a dei tocchetti di panettone e di pandoro 😋



Novembre a Torino vuol dire cinema, CioccolaTO, Luci d'Artista e Artissima perchè l'arte in senso lato scorre da sempre nelle nostre vene anche se ci vergogniamo a dirlo - 'chi si loda s'imbroda' e noi non siamo gente grossolana... - e speriamo sempre che siano gli altri a riconoscercelo. Spesso succede ma ancora più spesso l'invidia altrui ha sopravvento e noi restiamo qua su, ovattati nella nostra nebbia e isolati dalle cattive energie, in un serafico equilibrio ai piedi delle Alpi, con gli occhi chiusi, le mani a preghiera sul cuore, in equilibrio su una gamba, nella posizione dell'albero 🌲

La verità è che Torino ha un metabolismo artistico molto rapido e sforna eventi artistici e culturali di ogni sorta e genere come vassoi di baci di dama e bignole. Ogni mese, e particolarmente a Novembre, Torino è un mega show, solo pochi eletti lo sanno.

I turisti ci vedono sempre all'opera ma senza fronzoli, senza grilli per la testa, solo cose concrete come i nostri motori, il nostro design, e la scienza che sublimiamo all'Alenia e che mandiamo nello spazio insieme al nostro espresso per astronauti, ovviamente Lavazza, nata in Via San Tommaso 10 nel 1894, sempre qui a Torino.



Noi però siamo il bicerin che beviamo, i tartufi di cioccolato che assaporiamo e l'architettura regolare e regale che abitiamo. Portiamo a spasso il nostro cane al (parco del) Valentino con la sciarpa svolazzante per proteggerci dalle lame dell'umidità e nei colori caldi delle foglie la nostra creatività si rigenera.

Questa è Torino a Novembre: benvenuti nel nostro regno!